Guida all'assicurazione FIP e al fondo pensione

 

L'assicurazione polizza FIP - forma pensionistica complementare di tipo individuale nata nel 2001 - è una polizza assicurativa sulla vita e viene stipulata ai fini di avere una rendita vitalizia integrativa alla pensione pubblica di Stato.

Il FIP è acquisibile da parte dell'Assicurazione solo con adesione individuale ed è possibile ricevere il TFR - trattamento fine rapporto - solo dopo avere espletato tutte le disposizioni di COVIP ed avere ottenuto l'iscrizione all'Albo dei Fondi Pensione.

Fare un FIP - in base alla normativa vigente - può essere conveniente grazie alla possibilità di dedurre il FIP dalla dichiarazione dei redditi, infatti il FIP è nato con la possibilità di essere deducibile dal reddito imponibile fino a € 5164,57 nella fase di accumulo del capitale - la somma di 10 milioni di lire è stata trasformata in 5164,57 euro.

Nel modello unico della dichiarazione dei redditi l'importo della deduzione va al rigo RP24 e l'importo della detrazione al rigo RP12. Nel modello 730 della dichiarazione dei redditi l'importo da dedurre si trova al rigo E23 e da detrarre al rigo E12.

Il fondo pensione viene gestito tramite una gestione separata del fondo.

Durante la fase di gestione la tassazione annuale dei rendimenti è solo dell'11%.

Durante la fase di erogazione della prestazione della pensione integrativa derivante dal FIP c'è la tassazione separata del capitale (massimo 50%) oppure la tassazione della rendita ma solo per la parte non ancora tassata.

Tutto questo è successivamente suscettibile di variazioni in base alla normativa in quel momento vigente.

Le agevolazioni fiscali del FIP - ovvero la deucibilità - e la flessibilità di importo e periodicità dei versamenti dei premi rendono questo prodotto assicurativo molto attraente: le norme entrate in vigore il 1' gennaio 2001 equiparano le forme di previdenza individuale a quella della previdenza collettiva: il FIP gode quindi di molti vantaggi fiscali.

La prestazione a scadenza del FIP - ovvero al momento della pensione di vecchiaia o di anzianità - può essere di rendita o di capitale per il 50%.

Prima della scadenza naturale del FIP e dopo 8 anni di partecipazione ad una forma pensionistica complementare o in caso di cessazione del lavoro - si può fare un riscatto parziale o totale del FIP nel caso di:

:: Spese sanitarie per terapie e interventi straordinari riconosciuti dalle competenti strutture pubbliche

:: Acquisto e/o ristrutturazione della prima casa